Devi partire per il Marocco? Non andare senza qualche consiglio

Viaggio in Marocco: non aspettarsi nulla per poi rimanere sorpresi.

Avete mai pensato al Marocco come destinazione per una vacanza? Tanto vicino, eppure tanto lontano, è scansato spesso per motivi culturali.

Il mondo arabo può scatenare infatti due reazioni: si può urlare di odiarlo, oppure si può rimanere affascinati, ma generalmente non passa inosservato.
Il Marocco è tanto vicino a noi eppure tanto diverso come atmosfere, immagini, colori, odori e abitudini.
Ci attrae per la diversità eppure molte volte ci spaventa proprio per la stessa cosa.
Ammetto di non essere mai stata un amante dei paesi arabi eppure viaggiare in Marocco mi ha lasciato delle sensazioni che sembrano indelebili.
Stiamo parlando alla fine di un paese molto turistico, soprattutto in alcune destinazioni: chi non conosce Marrackech, ormai raggiungibile anche con voli low cost dall’Italia (vedi Ryanair), o anche Casablanca, una città quasi europea per la sua modernità e ricchezza.

Marocco: viaggiare tra magiche atmosfere
Spiagge del Marocco

Ma il Marocco che ti entra nel cuore è lontano da queste grandi città, sta nei paesini fortificati del centro, nei mercati, e nelle strade di città sperdute nel deserto, dove l’odore è quello delle spezie e quello del cibo come se si cucinasse tutto il giorno tutti i giorni.

E’ pericoloso viaggiare in Marocco? *

A differenza delle opinioni che mi erano state espresse prima di partire, ho trovato questo paese tutt’altro che pericoloso.

Non parlo di sicuro in assoluto, c’è chi lamenta di scippi, ma in fin dei conti in quale città del mondo non succede, specie se tanti sono i poveri e il turista gira con il meglio della tecnologia al collo e imbellettato di ogni possibile cosa luccicante?

Marocco: viaggiare tra magiche atmosfere
Trasporto straordinario

Come muoversi in Marocco *

Per spostarsi si può decidere di affittare un’auto per l’intera durata del viaggio, oppure si può utilizzare la linea ferroviaria per muoversi tra le varie città e poi andare a piedi, o per le escursioni rivolgersi ai taxi, che non hanno tariffe fisse, ma ci si può accordare.

Non utilizzo molto i taxi in generale, ma se si ha un buon rapporto con i tassisti questi possono diventare guide turistiche per posti sicuramente al di fuori dalle normali mappe.

Se cerchi maggiori informazioni leggi la mia Guida pratica per il Marocco

Marocco: viaggiare tra magiche atmosfere
I colori del Suq di Essouira

Cosa ti rimane nel cuore del Marocco *

Alcune cose mi sono rimaste in mente, e nel cuore, del mio viaggio in Marocco.
Sicuramente non dimentico i bellissimi e colorati souk dove si viene immersi in sete, colori, spezie, e oggetti di ogni tipo. Nei suq qualcuno entra per lo shopping, se si è amanti della contrattazione, qualcun’altro invece per essere travolto dalla vita e dallo spirito del Marocco, si possono trovare entrambe le cose senza molti problemi.

Marocco: viaggiare tra magiche atmosfere

Da portare nella mente il thè offerto a me e ai miei compagni di viaggio da un vecchietto proprietario di una baracca in cima alla grande Diga Youssef Ben Tachfine dove arrivava ogni giorno con il suo asino partendo dalla casa della sua famiglia a qualche km da lì.

Un tè nero e dal sapore tremendamente forte, in bicchieri che tradivano una scarsa pulizia, ma come fare a non berlo se il vecchietto ti guarda con aria sorridente e fiera spiegandoti la storia della diga?

Marocco: viaggiare tra magiche atmosfere
Un pasto tipico marocchino: tajine

Sicuramente indimenticabile il pranzo di Tiznit dove ci eravamo recati per il “famoso mercato dell’argento” che in realtà non si è rivelato altro che una serie di vetrine di negozi.

Non avendo trovato quello che cercavamo ci siamo fatti “guidare” dal nostro tassista che in cambio del pranzo pagato ci ha portato a zonzo e a mangiare in un localino dove europei non c’erano sicuramente.

Il mio piatto in coccio (Tajine) era colmo di pollo verdure varie e brodo, il tutto accompagnato da pane appena fatto, caldo e profumato.

Una giornata recuperata con poco.

Sei curioso di capire cosa mangiare in Marocco? Leggi il mio post: io ho già sperimentato 🙂

 

Marocco: viaggiare tra deserto e mare
Il porto di Essouria

Essaouira: turistica ma da non perdere *

Essaouira è sicuramente una di quelle città incluse nei tour di tutti i tour operator, e sicuramente ha una struttura fortificata molto interessante, ma la cosa che mi ha attratto di più è stato il porto con l’arrivo dei pescatori e l’affollarsi di quelle barchette colorate che scaricavano il pesce della giornata.

Cosa ne pensi? So che potrebbe piacerti quindi leggiamo insieme il mio per

scoprire la città di Essaouira.

Marocco: viaggiare tra deserto e mare
La mia vacanza in Marocco

Il Marocco è sicuramente questo ed altro ancora perso nel deserto, tra le dune, basta solo la pazienza di cercare e ammirare, non fermatevi nei villaggi turistici il Marocco regala molto altro.

Vuoi seguirmi su Facebook o twitter? Ti aspetto sulle pagine di Viaggi zaino in spalla.

facebookViaggi zaino in spalla

About Agnese.C 299 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

4 Trackback & Pingback

  1. Viaggio in Marocco: guida pratica | Viaggizainoinspalla
  2. Viaggio Malesia e Singapore, tra antico e moderno…1°parte | Viaggizainoinspalla
  3. Cosa mangiare in Marocco: un valzer tra cous cous e Tajine | Viaggizainoinspalla
  4. Viaggio in Marocco: scopriamo Essaouira | Viaggizainoinspalla

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: