L’identita  del turista fai da te: turista o viaggiatore?

viaggiatore

Turista fai da te?…Ahi Ahi Ahi cosi si esprimevano le pubblicita  di qualche tempo fa quando organizzarsi una vacanza da soli sembrava quasi quasi fantascienza.
Oggi, a qualche anno di distanza, abbiamo ormai tutti gli strumenti per organizzarci da soli senza ricorrere a tour operator ed agenzie, e l’immagine del turista fai da te incuriosisce cosi tanto che anche gli psicologi ormai ci si dedicano.
Cosa spinge una persona a partire organizzando tutto da sola, a partire in solitaria e via dicendo?
Ho letto qualcuna di queste relazioni e devo dire di essermi sentita un po cavia da laboratorio. Anche se ogni giorno fior fior di aziende e multinazionali pagano per queste ricerche, in ogni campo, e veniamo analizzati per ogni movimento che facciamo, devo dire che l’essere analizzata al dettaglio da persone che cercano di trovare una logica a quello che mi spinge a viaggiare e abbastanza strano.
Anche perche io non credo di voler trovare una logica ad una passione, mi sembrano due concetti abbastanza diversi.

Comunque eminenti studiosi di Psicologia del Turismo si sono impegnati non so per quanto tempo, per capire che i turisti non sono tutti uguali ringraziando il cielo.

Sembra che la maggiore motivazione, anche se non l’unica, che ci spinge a partire sia la costruzione identitaria attraverso la scoperta e l’acculturamento.
C’e poi chi parte per aumentare la propria autostima suscitando l’ammirazione di chi rimane a casa superando qualcosa di sconosciuto.
Soprattutto la “Psicologia del turismo e arrivata ad una divisione tra TURISTA e VIAGGIATORE che sostanzialmente conosciamo tutti molto bene: il turista vuole soddisfare bisogni primari mentre il viaggiatore ha necessità anche di un arricchimento culturale che vada oltre i bisogni primari in questione.
Il viaggio diventa massima espressione della liberta dell’individuo viaggiatore, mentre il turista lo vede esclusivamente come bene di consumo.

A parte il voler trovare una motivazione al viaggio in effetti il mondo del turismo e molto variegato e la distinzione tra turista e viaggiatore e tra le cose piu evidenti. Anche perche il turismo di massa ha creato l’immagine del turista che ha per un periodo totalmente surclassato quella del viaggiatore, mentre oggi  quest’ultimo che comincia a farsi rivedere sulle scene con giovani che sempre più spesso, per necessità economiche o altro, iniziano ad uscire dagli schemi dei tour operator e a trovare nuovi modi per viaggiare.

Che sia moda o no sono contenta di vedere che non sempre tutti finiscono in un villaggio turistico, e che viaggiare non è semplicemente arrivare in un posto per dire di esserci stati.
Non voglio di certo puntare il dito su chi viaggia con pacchetti turistici, l’ho fatto anche io, e non credo che sia il mezzo con cui si viaggia che distingue le due tipologie di individui, ma semplicemente l’apertura mentale a sensazioni ed esperiense.

Se una volta arrivati al villaggio, vi sforzaste di uscire dal recinto dell’animazione con i balletti mattutini, i giochi in spiaggia prima di pranzo e due balli la sera nel dopo cena, scoprireste che il mondo e molto ampio ed e bello entrare in contatto con abitudini, idee e modi di fare totalmente diversi dai nostri che possono veramente donarvi qualcosa che vi rimarrà per tutta la vita.

globe

 

 

Vuoi seguirmi su Facebook o twitter? Ti aspetto sulle pagine di Viaggi zaino in spalla.

facebookViaggi zaino in spalla

About Agnese.C 299 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

2 Commenti su L’identita  del turista fai da te: turista o viaggiatore?

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: