La truffa del bagaglio a mano: dove è finito il low cost?

Viaggiare low cost con un bagaglio low cost

Viaggiare low cost

Ormai è abitudine comune: vaghiamo in continuazione sui siti dei voli low cost alla ricerca dell’offerta irripetibile che ci permetterà  anche un week end per staccare la spina a due soldi…perché di più non possiamo permetterci ed il bagaglio a mano è ormai diventato il modo per “fregarci” in qulche modo!

Dopo ore di ricerca riusciamo a trovare l’offerta ed ecco che andando avanti con la prenotazione ci ritroviamo a dover pagare il check in, il bagaglio extra, la carta di credito…….e l’offerta?

E allora limitiamo tutto evitando di inserire il bagaglio extra e riducendo il tutto all’unica borsa da portare con noi a bordo.

Ora la difficoltà  maggiore non sta nel portarsi poche cose, perché per tre giorni fuori il problema è limitato, ma più che altro nel trovare una borsa della dimensione giusta.

Per un compleanno di qualche anno fa mi hanno regalato un trolley da cabina e credevo di essere a posto con il bagaglio a mano per gli anni a venire.

Mai idea più sbagliata. Si trattava di un bagaglio a mano con misure che venivano accettate dalla maggior parte delle compagnie di linea, ma non dai low cost, che dopo un periodo di permissività  hanno iniziato a fare la guerra ai passeggeri… e anche a me!

Se pescando a caso gli omini della compagnia low cost mentre sei in fila ti chiamano e

viaggiare low cost: il problema dei bagagli

la tua valigia non entra in quei maledetti aggeggi di ferro dell’aeroporto, in modo molto umiliante, e con tutti che ti guardano sogghignando e pensando sicuramente “ah ah Sfigato questa volta tocca a te!”, devi recarti al bancone della compagnia consegnare il bagaglio e pagare un sovrapprezzo che ti viene a costare quanto il biglietto… ed ecco che già  ti sei rovinato la vacanza!!! (a me Berlino è andata di traverso!)

Senza considerare che se avete quel bagaglio a mano non siete autorizzati a portare neanche attaccato al collo un portadocumenti…altrimenti sono 2 bagagli (fortunatamente almeno da questo punto di vista le compagnie stanno cambiando i regolamenti).

Ora naturalmente non sempre andrà  così, spesso gli addetti prendono a caso 1 persona che paga mentre altri 20 con bagagli più grandi del suo passano tranquilli, ma perché rischiare quando la ricerca dell’offerta ci è costata tanta fatica?

Ogni compagnia ha un suo modo di comportarsi quindi purtroppo dovrete documentarvi ed adattarvi.

Facciamo qualche esempio.

1- La Wizzair  permette un bagaglio a mano 42x32x25 senza limiti di peso, in caso però si portasse un bagaglio più grande, ma che non eccede le misure 56X45X25, è possibile comunque caricarlo come bagaglio a mano, ma con un supplemento di 10€, le dimensioni ed il peso ti devono comunque permettere di caricare il bagaglio autonomamente in cappelliera, per il bagaglio più grande il supplemento sarà  più¹ alto ed è previsto solo il trasporto in stiva.

2- Anche per  l’Easyjet il bagaglio a mano deve avere dimensioni non eccedenti 56x45x25cm, il bagaglio in eccesso verrà  messo in stiva con un supplemento di 35€ (che io ho già  scontato!!!!) e anche in questo caso non c’è¨ limite di peso.

viaggiare low cost: il problema dei bagagli3- La Ryanair, che ai bei tempi degli inizi della sua “carriera” non controllava così accuratamente la questione bagagli, permette un solo bagaglio non registrato e trasportabile a titolo gratuito di dimensioni 55 x 40 x 20 cm (anche meno degli altri….prevedono il trasporto di una 24h) ed inoltre con un peso massimo di 10 kg.

Conclusioni

I low cost funzionano all’incirca tutti così quindi meglio darsi sempre una letta alla normativa bagagli presente sui siti.

I biglietti che sembreranno ultra scontati così vedranno piano piano salire il loro prezzo a partire dal bagaglio che incide sempre notevolmente, senza considerare le spese di carta di credito, di check in….tutte obbligatorie, o anche le opzionali spese per avere il primo posto in fila o le assicurazioni.

Quindi il low cost rischia di non diventare molto low cost… eppure mi ricordo di esser riuscita ad andare a Glasgow con 36€ andata e ritorno…. non è fantascienza e la compagnia era proprio la Ryan Air… ma il tempo passa e le offerte non sembrano proprio più le stesse, tanto che alcune volte conviene prendere un volo di linea più che stare a fare i conti con i supplementi dei low cost.

Insomma offerte da prendere con le pinze, e soprattutto tanta pazienza nel cercare e cercare….. prima o poi il volo giusto arriva.

 

Vuoi seguirmi su Facebook o twitter? Ti aspetto sulle pagine di Viaggi zaino in spalla.

facebookViaggi zaino in spalla

About Agnese.C 315 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

Commenta per primo

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: