Città da visitare in Marocco: sai che non puoi perdere Essaouira?

Essaouira: una delle città più amate e affascinanti del Marocco. Scopriamola insieme.

Se ti documenti per un viaggio in Marocco, ti ritrovi avanti tanti nomi conosciuti, ma tra le città da visitare in realtà si trovano anche nomi ripetuti più volte di cui non si è sentito parlare molto… soprattutto se non si è maghi della geografia.

Pochi conoscono Essaouira se non ci si ritrovano quando già  sono in Marocco. Insomma Essaouira non è la città di cui si parla molto.

In Italia si conosce Marrakech, Casablanca o Agadir (dove si trovano molti villaggi turistici), ma poi si stenta nell’approfondire la conoscenza di un territorio veramente affascinante e ricco, oltre che decisamente vicino e facilmente raggiungibile, come il Marocco (anche con voli low cost oltre che con i voli Charter dei tour operator oppure voli di linea).

Eppure Essaouira è una delle grandi città  del Marocco, una delle città  imperiali, una delle città  che si finisce di visitare in ogni tour sia indipendente che organizzato.

 

Marocco: Essaouira
Essaouira: le mura d’ingresso

– Perché tra le città da visitare inserisco Essaouira? *

Essaouira è una stupenda città  che si affaccia sull’Oceano Atlantico e per questo denominata la città  dei venti…in effetti anche quando il cielo è limpido la brezza marina soffia senza impedimenti dal mare verso l’interno della città.

Questa brezza costante fa si che sia particolarmente apprezzata dal popolo dei surfisti, ma ammetto che non è dispiaciuta neanche a me nelle ore centrali del giorno, quando l’ombra delle strade del centro non basta a farti sentire bene.

Passeggiare per la Medina tra i tappeti colorati e le urla dei commercianti è veramente emozionante. Tutto sembra tremendamente antico eppure frenetico come l’era moderna: un vero mondo sospeso nel tempo.

Anche se meno che in Egitto, i marocchini puntano i turisti come prede da spennare. Con me non sono stati particolarmente insistenti, ma sicuramente essere lasciata in pace nella mia contemplazione mi avrebbe aiutata.

L’unico modo per salvarsi è provare a intavolare un discorso, scherzare. Per un attimo anche i commercianti marocchini allora dimenticano il loro scopo e si fanno prendere la mano dall’amichevole chiacchierata, e qualche volta si riesce a strappargli anche qualche consiglio interessante su cosa vedere o cosa mangiare.

Marocco: Essaouira
Essaouira: i bastioni con i cannoni originali

– Come raggiungere Essaouira? *

E’ pressoché impossibile arrivare ad Essaouira direttamente in aereo dall’Italia. La soluzione più semplice è arrivare a Marrakech.

Da lì, se non prenotate un tour organizzato, potete farvi accompagnare da un taxi concordando una tariffa giornaliera. Sinceramente io ho usato questa alternativa spesso in Marocco perché stringendo amicizia con il tassista siamo riuscite anche sperimentare locali poco conosciuti dai turisti, zone molto autentiche, cibo marocchino, e tutto ad un costo conveniente.

Altre due alternative sono di noleggiare una macchina (se puntate a spostarvi molto sul territorio), oppure prendere un bus da Marrakech che in poche ore arriva a Essaouira (le compagnie che coprono la tratta sono molte ed in alta stagione è bene prenotare in anticipo).

Purtroppo non è possibile raggiungere Essaouira in treno dato che la città  non ha una stazione ferroviaria.

 

Marocco: Essaouira
Essauira: la Medina e i suoi mercati

– Cosa vedere a Essaouira *

La Medina

Il centro storico di Essaouira, la Medina, è spettacolare, e inserito anche nei Patrimoni dell’Unesco.

Si tratta di una parte piuttosto piccola della città, ma perdersi tra i vicoli, tra i negozi di artigianato e sentire gli odori e le fragranze del posto non ha decisamente prezzo.

Si trovano molti negozi di oggetti in legno, dato che l’artigianato del legno è tipico di questa zona.

Molto sviluppata anche la produzione dell’argan: molte cooperative che lo producono sono cooperative di sole donne (per la cronaca l’Argan originale cresce solo a sud di Essaouira quindi quà è facile trovare l’olio originale).

Marocco: Essaouira
Essaouira: lungo le mura negozi e ristoranti

Le mura di Essaouira

Partite da una passeggiata sulle mura da dove ammirare il mare che si infrange sugli scogli affacciandovi dai bastioni fortificati che sembra risalgano al XVIII secolo. Qua  e la è possibile vedere ancora i cannoni spagnoli del XVII secolo

Il porto cittadino

Scendete dalle mura e puntate il porticciolo della città. Un agglomerato di barchette dai bordi blu si accatastano sotto le mura e i marciapiedi bianchi della città  ed è facile vedere arrivare i più grandi pescherecci che scaricano il pescato tra urla schizzi d’acqua e frenetici pescatori.

Gli odori sono quelli delle zone portuali di un tempo, e se si cammina sulla via che si affaccia sul mare non è inusuale incontrare venditori di pesce alla griglia (più fresco di così si muore!).

Marocco: Essaouira
Essaouira: porta di un edificio della Medina

Il quartiere ebraico

Altro quartiere molto affascinante è quello di Mellah, il quartiere degli ebrei.

Qui risiedeva la comunità  ebraica agli inizi del XX secolo, e, anche se oggi si tratta di un quartiere quasi abbandonato, la città  è una delle zone più vive del pellegrinaggio ebraico.

Marocco: Essaouira
Essaouira: il pittoresco porto

3- Curiosità  su Essaouira *

Ci si imbatte spesso in curiosità  sulle destinazioni di viaggio se ci si inizia a documentare non fa eccezione questa piccola città  del Marocco:

1- Il vecchio nome di Essaouira era Mogador che stava per “piccola fortezza” e fin dalle sue origini è un importante porto che collega il Marocco con gli altri porti di Africa ed Europa.

2- In molti pensano che Jimmy Hendrix abbia scritto “Castle of Sands” pensando a questa città, e sembra che anche per questo negli anni ’60 Essaouira fosse meta prediletta del popolo hippies.

3- Orson Welles vi ha girato “Otello”.

Marocco: Essaouira
Essaouira: insegna di un dentista nella Medina

– Consiglio per un viaggio in Marocco low cost *

Se siete viaggiatori dal budget limitato non lasciatevi attirare dai locali della piazza centrale finireste per farvi spennare per un bicchiere di vino.

In città  sono molte le alternative per dormire, e molti hotel sono estremamente costosi. Puntate gli ostelli o gli affitta camere altrimenti rischierete di vedere lievitare all’infinito il vostro budget vacanziero.

Marocco: Essaouira
Essaouira: il festival musicale più importante del Marocco

 

Vuoi seguirmi su Facebook o twitter? Ti aspetto sulle pagine di Viaggi zaino in spalla.

facebookViaggi zaino in spalla

 

About Agnese.C 308 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

5 Commenti su Città da visitare in Marocco: sai che non puoi perdere Essaouira?

  1. Bella! Vorrei proprio visitare questa città. io sono stata a Fez e dintorni e devo dire che ci tornerei anche domani. Mi è piaciuta da matti! Da Pisa (io abito vicino a Firenze) ci sono voli quasi ogni giorno a prezzi ottimi, quindi si riesce a fare anche un fine settimana in Marocco… ci tornerò!

    • Secondo me il Marocco è spesso sottovalutato, è una meta spettacolare ed in effetti molto facile da raggiungere. Ti toccherà far conoscere il Marocco anche ai tuoi pargoli :-p

  2. Ciao,
    solo un appunto: probabilmente la foto dei denti non è l’insegna di un dentista, bensì di un “nolleggiatore di dentiere”: ce ne sono molti in Marocco, e la gente prende in affitto i denti in occasioni speciali.

  3. Era quello che la guida ci aveva detto quando gli chiedevo come mai ci fossero tanti dentisti in Marocco :). Magari però quella è proprio l’insegna di un dentista 🙂 🙂
    Preferisco viaggiare in tour, per comodità e per essere più rilassata, ma ammiro moltissimo chi si organizza da solo: da solo puoi immergerti completamente nel luogo che visiti. Complimenti Agese!

1 Trackback & Pingback

  1. Devi partire per il parocco? Non andare senza qualche consiglio – Viaggi zaino in spalla

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: