Giappone: la cerimonia del tè

In programma un viaggio in Giappone? Perché non prendere parte ad una delle tradizioni più antiche del Giappone: la cerimonia del tè

La cerimonia del tè in Giappone è una usanza antichissima che però non perde forza nelle abitudini dei giapponesi anche perché dietro di esso si nasconde una vera filosofia di vita.

Se vi trovaste in Giappone potrebbe essere una stupenda esperienza prendere parte ad un qualcosa di così intimo e profondo, ma sicuramente non si tratta di una esperienza per tutti. Bisogna essere veramente appassionati per rispettare la tranquillità ed il silenzio di una sala del tè, e soprattutto per poter affrontare una cerimonia che impegna qualche ora…non certo pochi minuti.

Cultura giapponese: la cerimonia del tè
Credits: immagine del Blog arkidlab

Storia della cerimonia del tè in Giappone *

Inizialmente il consumo del tè era riservato ai soli monaci che ne avevano scoperto le capacità per mantenere viva l’attenzione.

Con il tempo il consumo del tè si allarga all’aristocrazia per la quale rappresentava una occasione mondana d’incontro, e successivamente alla classe mercantile arrivando poi ai samurai che la elevarono ad elemento essenziale della Via (il codice di condotta nella vita dei guerrieri).

Fu Murata Shuko che trasformè il rito da semplice incontro senza regole ad un momento tra pochi intimi in una piccola stanza. Quella che si andè delineando fu una vera cerimonia basata sulla sensibilità del buddhismo Zen e sulla purificazione dello spirito.

Il rituale del tè venne poi definitivamente codificato con vere e proprie regole di condotta e serie di azioni da Sen no Rikuyu

Come si svolge la cerimonia del tè giapponese? *

Cultura Giapponese: la cerimonia del tè
La stanza del tè, importante elemento della cerimonia

La cerimonia del tè si svolge nella stanza del tè chiamata cha shitsu. Si tratta di una stanza esenziale che rappresenta proprio il vuoto cui la meditazione Zen aspira. Questo contenuto spirituale della cerimonia del tè giustifica l’isolamento della stanza preposta dal resto della casa.

Nel rito viene incluso anche l’attraversamento del giardino per arrivare alla cha shitsu, una sorta di rappresentazione dell’azione del lasciarsi il mondo alle spalle.

Anche che l’abbigliamento è fondamentale: si raccomandano colori sobri, mentre elementi fissi sono i tabi, cioè la tradizionali calzature, il ventaglio, ed il Kaish, fazzoletti di carta ripiegati nel risvolto del vestito.

Gli strumenti utilizzati per la cerimonia sono:

Cultura Giapponese
Gli strumenti utilizzati per la cerimonia del tè

1- la ciotola per il tè: Chawan

2- il contenitore del tè: Chaire

3- il frullino di bambù: Chasen

4- il mestolo di bambù: Chashaku

Se vi ritrovaste a partecipare ad una cerimonia del tè sappiate che è fondamentale rispettare tutti l’assoluto silenzio seduti sui tatami.

Il rito è fatto di gesti lenti, anzi lentissimi e standardizzati, per i turisti non appassionati assolutamente incomprensibili.

La cerimonia prevede un pasto leggero chiamato Kolseki, una piccola pausa e poi la parte dedicata al tè, prima piuttosto denso, poi più leggero. Il tutto ha una durata di alcune ore e nulla deve turbare la serenità del rito.

Anche gli ospiti devono rispettare dei movimenti precisi. Una regola fondamentale è che una volta ricevuta la tazza del tè questo deve essere bevuto interamente.

La tazza viene presa lentamente con la mano destra e lentamente deve essere poggiata sul palmo sinistro, sempre con la mano destra la tazza viene fatta ruotare in senso antiorario mettendo il lato più bello della tazza verso l’esterno.

Si beve, si pulisce la parte di appoggio delle labbra e si ruota di nuovo la tazza nella posizione iniziale.

Le tazze vengono restituite al padrone di casa che le porta fuore dalla stanza. Al suo rientro si incina ai suoi ospiti sancendo la fine della cerimonia e accompagnando tutti fuori dalla sala.

L’importanza del tè in Giappone oggi *

Ancora oggi il tè rappresenta un elemento fondamentale della cultura giapponese

Le tipologie di tè sono tantissime ma si possono raggruppare in 4 categorie:

1- Sencha: tè di uso quotidiano

2- Gyokuro: il tè per le grandi occasioni

3- Boncho: tè di qualità inferiore

4- Maccha… o Matcha: tè usato esclusivamente per la cerimonia del tè

 

Se mi hai trovato interessante…simpatica e una super bomba del travel blogging puoi seguirmi anche su Facebook o twitter, non ti accuserò di stalking 🙂

Ti aspetto sulle pagine di Viaggi Zaino in Spalla.

facebookViaggi zaino in spalla

About Agnese.C 308 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

Commenta per primo

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: