Come ottenere il rimborso se il volo è cancellato o in ritardo

Rimborso del biglietto e diritti del viaggiatore

Come richiedere il rimborso del volo

In caso di necessità sapreste come e quando è possibile ottenere il rimborso per la cancellazione di un volo o anche per un ritardo oltre il limite consentito? Purtroppo anche trattandosi di un diritto la normativa non è particolarmente semplice da decifrare ed in molti rinunciano a fare formale richiesta di rimborso.

Chi viaggia di frequente conosce bene il problema: spesso le compagnie aeree ci organizzano stupende giornate “aeroportuali” sdraiati sui sedili degli aeroporti in attesa che inizi la nostra vacanza…se il volo decide di arrivare. Cancellazioni o anche forti ritardi sono praticamente all’ordine del giorno e bisogna sapere come comportarsi per ottenere il rimborso dalla compagnia aerea.

Si può incorrere anche nel caso dell’overbooking una parola fighetta per dire che potreste trovarvi al banco del ceck-in sentendovi negare l’imbarco, e succede molto spesso in periodi di alta stagione. L’overbooking è infatti una prassi che viene utilizzata spesso dalle compagnie aeree per essere sicure di riempire i voli per intero. La compagnia vende più biglietti dei posti a disposizione, in questo modo è sicura di essersi garantita il pieno… alla faccia dei diritti di chi paga i biglietti stessi.

Come ottenere il rimborso per ritardo, cancellazione o overbooking? *

Prima di tutto sappiate che avete i vostri diritti e una normativa precisa li tutela al massimo. Il Regolmento n. 261/2004 del Parlamento Europeo istituisce infatti una normativa comune per la gestione dei disservizi e l’assistenza ai passeggeri a cui viene negato l’imbarco, oppure cancellato un volo o anche che affrontano un ritardo “prolungato”.

Si tratta di una normativa basata sul fatto che “Il negato imbarco, la cancellazione del volo o i ritardi prolungati sono causa di gravi disagi e fastidi per i passeggeri” e si applica “ai passeggeri in partenza da un aeroporto situato nel territorio di uno Stato membro soggetto alle disposizioni del trattato“.

1- Si può ottenere il rimborso in caso di negato imbarco per overbooking?

Come richiedere il rimborso del volo
Incorrere nell’overbooking non è piacevole

In caso di negato imbarco si avrà  una prima azione della compagnia: “il vettore aereo operativo fa in primo luogo appello ai volontari disposti a rinunciare alla prenotazione in cambio di benefici da concordare tra il passeggero interessato e il vettore aereo operativo“.

In questo caso, i volontari beneficeranno dell’assistenza garantita dall’articolo 8 della stessa norma:

“al passeggero è offerta la scelta tra: a) ” il rimborso entro sette giorni del prezzo pieno del biglietto, allo stesso prezzo al quale è stato acquistato, per la o le parti di viaggio non effettuate e per la o le parti di viaggio già  effettuate se il volo in questione è¨ divenuto inutile rispetto al programma di viaggio iniziale del passeggero, nonché, se del caso: ” un volo di ritorno verso il punto di partenza iniziale, non appena possibile; b) l’imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale, in condizioni di trasporto comparabili, non appena possibile; o c) l’imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale, in condizioni di trasporto comparabili, ad una data successiva di suo gradimento, a seconda delle disponibilità  di posti.

Se i volontari non sono sufficienti la compagnia negherà l’imbarco anche ad un numero sufficiente di passeggeri non consezienti. In questo caso gli articoli a tutela dei soggetti saranno il 7, l’8 e il 9.

Infatti, oltre ottenere un rimborso totale del biglietto, o eventuale riprotezione su altro volo, si ha diritto anche ad una compensazione pecuniaria (articolo 7) che pochi conoscono.

La sanzione pecuniaria ammonta a

a) 250 EUR per tutte le tratte aeree inferiori o pari a 1 500 chilometri;

b) 400 EUR per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1 500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1 500 e 3 500 chilometri;

c) 600 EUR per le tratte aeree che non rientrano nelle lettere a) o b).

Nel determinare la distanza si utilizza come base di calcolo l’ultima destinazione per la quale il passeggero subisce un ritardo all’arrivo rispetto all’orario previsto a causa del negato imbarco o della cancellazione del volo

Se si rimane bloccati in aeroporto per molte ore, inoltre, si viene tutelati dall’articolo 9 secondo il quale “il passeggero ha diritto a titolo gratuito: a) a pasti e bevande in congrua relazione alla durata dell’attesa; b) alla sistemazione in albergo: ” qualora siano necessari uno o più pernottamenti, o ” qualora sia necessario un ulteriore soggiorno, oltre a quello previsto dal passeggero“.

2- Si può ottenere il rimborso in caso di  cancellazione del volo?

Come richiedere il rimborso del volo

Valgono gli stessi articoli visti per il caso di Overbooking e quindi di mancato imbarco: viene offerta l’assistenza del vettore prevista dall’articolo 8 in materia di riprotezione o rimborso, l’assistenza dell’articolo 9 per quanto riguarda l’assistenza in aeroporto.

La compensazione pecuniaria dell’articolo 7 può essere richiesta a meno che i passeggeri:

“- siano stati informati della cancellazione del volo almeno due settimane prima dell’orario di partenza previsto;

– oppure siano stati informati della cancellazione del volo nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima dell’orario di partenza previsto e sia stato loro offerto di partire con un volo alternativo non più di due ore prima dell’orario di partenza previsto e di raggiungere la destinazione finale meno di quattro ore dopo l’orario d’arrivo previsto;

– oppure siano stati informati della cancellazione del volo meno di sette giorni prima dell’orario di partenza previsto e sia stato loro offerto di partire con un volo alternativo non più di un’ora prima dell’orario di partenza previsto e di raggiungere la destinazione finale meno di due ore dopo l’orario d’arrivo previsto.

3- Si può ottenere il rimborso in caso di ritardo del volo?

Come richiedere il rimborso del volo

L’assistenza ed i rimborsi dipendono dalla lunghezza del volo e dal ritardo previsto:

“Qualora possa ragionevolmente prevedere che il volo sarà  ritardato, rispetto all’orario di partenza previsto a) di due o più ore per tutte le tratte aeree pari o inferiori a 1 500 km; o b) di tre o più ore per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1 500 km e per tutte le altre tratte aeree comprese tra 1 500 e 3 500 km; o c) di quattro o più ore per tutte le altre tratte aeree che non rientrano nei casi di cui alle lettere a) o b),

il vettore aereo operativo presta ai passeggeri:

i) l’assistenza prevista nell’articolo 9/1-a, quindi fornisce pasti e bevande in congrua relazione alla durata dell’attesa, e 9/ 2 secondo il quale e, il passeggero ha diritto ad effettuare a gratuitamente due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica.

ii) quando l’orario di partenza che si può ragionevolmente prevedere  rinviato di almeno un giorno rispetto all’orario di partenza precedentemente previsto, l’assistenza di cui all’articolo 9/ 1- b) e c) quindi è prevista sistemazione in albergo con conseguente trasporto tra aeroporto e albergo;

iii) quando il ritardo è di almeno cinque ore, l’assistenza prevista nell’articolo 8/1-a: rimborso totale del biglietto entro 7 giorni.”

4- Casi eccezionali

Persone con mobilità  ridotta o bambini senza accompagnatore hanno logicamente precedenza assoluta nell’assistenza del vettore.

Questo genere di assistenza privilegiata viene riconosciuto dalla compagnia aerea in caso di ritardi di:

“- due o più ore per tutte le tratte aeree pari o inferiori a 1500 km;

– di tre o più ore per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 km e per tutte le altre tratte aeree comprese tra 1500 e 3500 km;

– di quattro o più ore per le tratte più lunghe di 3.500 km al di fuori dell’Unione Europea”.

5- A chi inviare il reclamo

Il reclamo per il disservizio, sia esso ritardo, mancato imbarco o cancellazione, deve essere fatto alla compagnia che ha causato il disagio.

Se la compagnia non risponde al reclamo entro 6 settimane o non lo fa in modo convincente ed esaustivo ci si può rivolgere alla sede Enac dell’aeroporto in cui si è verificato il disservizio.

6- Fuori dall’Unione Europea

In caso i problemi con i vettori aerei si presentino al di fuori della Comunità  Europea, ma la compagnia con la quale si dovrebbe volare è europea, bisogna rivolgersi all’organismo nazionale competente: la lista degli organismi nazionali responsabile dell’applicazione della normativa ai quali rivolgersi è scaricabile nel pdf di seguito inserito.

Lista organismi nazionali competenti
Lista organismi nazionali competenti

7- Fonti legislative

Tutte le informazioni che vi ho dato e che potete approfondire provengono da:

  •  Carta dei diritti dei passeggeri che potete scaricare integralmente qui di seguito:
carta dei diritti dei passeggeri
carta dei diritti dei passeggeri

 

  • Regolamento (CE) N. 261/2004 del Parlamento Europeo scaricabile nel seguente link:

Regolamento europeo diritti viaggiatori

Se mi hai trovato interessante…simpatica e una super bomba del travel blogging puoi seguirmi anche su Facebook o twitter, non ti accuserò di stalking 🙂

Ti aspetto sulle pagine di Viaggi zaino in spalla.

facebook

Viaggi zaino in spalla

About Agnese.C 308 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

Commenta per primo

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: