Quando Van Gogh…mi invitò per un weekend ad Amsterdam.Il Van Gogh Museum.

Amsterdam

Sì me lo ricordo bene… quando chiamando con insistenza dalla lontana terra dei mulini a vento l’olandesone dalla rossa barba, Van Gogh, mi invitò per un weekend ad Amsteredam al suo Van Gogh Museum.

Dalla noia del divano in stagione morta, in quei mesi posti tra un viaggio e l’altro e la stasi lavorativa, tutto fu un attimo: partire di testa, cercare un volo, pescare un’amica innamorata dei suoi colori e pronta a fare la valigia e via!

Amsterdam arriviamo! Van Gogh aspettaci!

L’estasi della partenza *

Quando prenoti a pochi giorni dalla partenza, e ti ritrovi tra le mani un biglietto Alitalia in offerta a due spicci, pensi che tutto ormai può andarti bene… che altro dire.

Unica paura dell’organizzazione lampo era l’hotel vicino la stazione… ambiente sempre evitato in tanti viaggi quà e là per il mondo, ma questa volta Van Gogh ci aspettava, nulla ci avrebbe fermate.

Come cieche innamorate partimmo, e come innamorate sotto l’effetto dell’ebrezza del primo periodo di una storia ci andò tutto bene! Albergo in posizione adatta ad ogni esigenza, scelta giusta un’altra volta.

Tutta la città era a nostra disposizione per 4 giorni, ma ancora oggi ben pochi credono che ad Amsterdam eravamo andate per il Van Gogh Museum e non per quartieri a luci rosse, café e mercati dei fiori…

Quella parte di Amsterdam l’abbiamo comunque visitata, ma  il pensiero dell’artista che dalla follia riuscì a tirar fuori una forma d’arte, di un animo trafitto da duecendo diversi maligni spiriti che visse in povertà per diventare leggenda dopo la sua morte, può richiamare più di una signorina seminuda in vetrina.

Riempimmo il tempo che circondava la visita, ma il Van Gog Museum ci chiamava.

Amsterdam ed il Van Gogh Museum *

Van Gogh opere

La fila all’ingresso era consistente, ma anche meno di quello che immaginavamo.

L’audioguida ve la consiglio se siete appassionati della pittura dell’artista… in fin dei conti invece di 17€ andate a pagare 22€… è poi così tanto?

Le stanze del Van Gogh Museum le ricordo bene: ordinate, ampie e in una penombra che viveva di tratti di luce si abbinavano perfettamente a quelle pennellate e ai colori decisi che davano vita invece a forme sfumate…

Non sono un’esperta, ma l‘arte crea suggestioni e Van Gogh questo esprime per la mia anima… tu dovresti immergerti nel museo privatamente ed in silenzio ammirando quei colori per capire cosa possono significare per te.

Van Gogh Museum
La mia compagna di viaggio V.

Non so bene cosa pensò la mia amica a fine tragitto, quando l’audioguida ci salutò e ringraziò per la visita, mentre uscivamo dall’ultima stanza, ma a me rimase nell’animo un gran senso di insoddisfazione.

Il prolifico Van Gogh, con i suoi oltre 800 quadri, era stato ridotto ad una raccolta piuttosto ampia, ma non del tutto completa… o almeno a me non dava un senso di completezza. Chi lo sa se gli esperti mi darebbero retta.

Dopo l’arte la città *

Amsgterdam e Van Gogh

Ve l’ho detto… andammo lì per il museo, ma vedemmo anche il resto.

Tutto quell’insieme di cose che le guide turistiche sbandierano ai quattro venti con un bel titolo “cosa vedere ad Amsterdam”, ma che nel weekend si traduce a mettersi in coda di fronte a vetrine con donne seminude che a volte neanche ti filano… tra una telefonata e l’altra.

Oltre questo provai anch’io uno dei tanti coffee shop in cui ti siedi e ordini il tuo té alla menta e, anche non fumando…fumi… o magari provi anche un tocco di dolce alla marjuana (che per la cronaca sembrava una semplice torta nel mio caso al cioccolato).

Sono andata fuori città per visitare i tanto famosi mulini a vento…purtroppo morte costruzioni che poco avevano a che fare con i furiosi mulini a vento che contrastavano l’avventuriero folle Don Chisciotte.

Ho passeggiato per i canali della città e questo sì che mi è piaciuto.

Le strade più isolate regalavano un senso di pace unico con i loro canali dove l’acqua, con il suo incedere lento, dettava il ritmo di vita, rotto solo dallo sfrecciare di biciclette impazienti.

Eccolo: avevo trovato un altro motivo per visitare Amsterdam.

Perché visitare il Van Gogh Museum? *

Non sono qui a presentare un progetto promozionale, ma a parlare delle mie sensazioni per farvi vivere in anticipo ciò che potreste provare visitando un luogo preciso.

Se pongo una domanda come “Perché visitare il Van Gogh Museum” non è per vendere un biglietto d’ingresso, ma per darvi una motivazione per cui un viaggio può regalarvi un qualcosa necessario a completare voi stessi.

Van Gogh rappresenta un uomo con qualità sopra la media non riconosciute se non dopo la sua morte, quando ormai non potevano servirgli più a nulla.

Non vi sembra un pò la vita che fanno molte persone oggi? Non so se sarebbe una magra consolazione mettere un occhio dall’aldilà per scoprire che ora che non ci sono tutto ciò che ho creato è apprezzato, mentre quando vivevo nessuno lo considerava immergendomi all’ombra.

È come avere un gran fuoco nella propria anima e nessuno viene mai a scaldarvisi Condividi il Tweet

Visitare il Van Gogh museum può essere uno stimolo a ragionare sul fatto che la vita non può essere solo vagare per un centro commerciale passando da una vetrina all’altra.

Sarebbe ora forse di usare i nostri sensi per smettere di vedere ed iniziare a guardare e ragionare regalando i giusti meriti ai geni in ombra.

Perché visitare Amsterdam? *

Amsterdam si, e da visitare, con le sue parti troppo turistiche e con il suo lato tipicamente olandese…

Andate per i suoi canali, per un giro in bici, per i suoi bei fiori, per il caos serale, per il sexy quartiere colorato ed affollato nel weekend e vuoto di giorno. Ma se vi capita, andate anche per il Museo di Van Gogh

Box informazioni Van Gogh Museum *

-Prezzi di ingresso

Ti consiglio l’acquisto on line sul sito del museo per risparmiare tempo all’arrivo. I prezzi d’ingresso sono i seguenti

  • Adulti, ingresso e tour multimediale: € 22,00
  • Adulti, solo ingresso: € 17,00
  • Bambini (0-17 anni): ingresso gratuito

-Orari di apertura

Durante i mesi freddi il museo è aperto dalle 9 alle 17, solo il venerdì l’apertura è prolungata fino alle 22.

In estate, giugno-settembre l’apertura viene prolungata alle 19, mentra tra settembre e novembre fino alle 18.

-Mappa Van Gogh Museum

Per organizzare la tua visita puoi scaricare la mappa del museo in pdf qui di seguito in modo da sapere da subito dove andare

Van Gog informazioni
Scarica la mappa

 

SCOPRI CON ME L’ARTE DEL VIAGGIARE. Iscriviti alla newsletter gratuita e rimani aggiornato. Tranquillo anche io odio lo spam.



About Agnese.C 317 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

Commenta per primo

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: