Cosa vedere a Roma: tornare a casa da turista per guidare amici stranieri

Cosa vedere a Roma

Cosa vedere a Roma se ci si ritrova a fare la guida turistica per degli amici stranieri in visita e che già conoscono le tappe più famose della città? Ecco qualche consiglio artistico, culinario e divertente per scoprire Roma, dentro e fuori il Raccordo, in modo diverso.

Tornare a Roma dopo mesi di vita all’estero ti fa assaporare la città da un nuovo punto di vista: non l’avevi mai guardata da turista… e con il tuo elenco sul cosa vedere a Roma tra le mani… preparato per i tuoi amici spagnoli, ti accorgi che proprio così Roma ti appassiona e ti sembra ancora più magica.

Lontani dallo stress del caos mattutino per arrivare in ufficio, lontani da allagamenti e immondizia sparsa, lontani da burocrazia e servizi scadenti, Roma torna ad essere la capitale di un Impero che non sembra più tanto caduto e perso.

Sì… è vero… i mezzi pubblici anche se sei turista ci mettono lo zampino, ma se sei in vacanza, e non hai orari da rispettare, tutto ti sembra più sopportabile.

“Cosa vedere a Roma?” mi chiedeva il mio amico spagnolo *

Torniamo insieme a Roma per Pasqua, vi faremo scoprire qualcosa di nuovo“. Un invito così poteva essere rifiutato?

Due famiglie di Expat si imbarcano dal tranquillo aeroporto di Praga per atterrare nel ben più caotico aeroporto di Fiumicino ed iniziano qui la loro vacanza.

A noi Expat romani il compito di far scoprire una nuova Roma a chi a Roma è già stato, ma di certo non ha mai vissuto questa città… ecco allora qualche tappa che è stata apprezzata e che potrebbe essere un insolito punto di approdo per chi si trova in vacanza a Roma per la seconda volta (o più) e vuole vedere o fare qualcosa di diverso.

Cosa vedere a Roma: una tappa per salutare Michelangelo

Cosa vedere a Roma

Anche se ci siete già stati un giorno del vostro rientro a Roma non può  che essere concentrato lungo il percorso classico che dal Colosseo vi porta lungo i Fori imperiali verso Campo de Fiori, Piazza Navona, il Pantheon (se piove potete ammirare il famoso buco per capire se l’acqua entra o no), e via verso Via del Corso, Fontana di Trevi e giù verso piazza di Spagna.

Niente di nuovo” direte, ma prima di iniziare il tour, comunque, nei pressi del Colosseo è bene fermarsi a fare un salutino ad un’opera stupenda di Michelangelo custodita in una chiesa in una pizza appartata.

Parlo del Mosé di Michelangelo che potrete ammirare GRATUITAMENTE semplicemente entrando nella chiesa di San Pietro in Vicoli (Piazza di San Pietro in Vincoli).

Già, Roma è anche questo: opere di valore inestimabile aperte al pubblico gratuitamente.

Come vedere Roma: uno sguardo dall’alto dal Giardino degli Aranci

cosa vedere a Roma
Un belvedere alternativo

Non si tratta di certo di una tappa sconosciuta, molte guide ne parlano, ma tra gli elenchi su cosa vedere a Roma che il turista si prepara spesso non viene menzionato.

Il Giardino degli Aranci, soprattutto in primavera ed in estate è qualcosa di sublime, colorato e profumato. In realtà su guide e cartine lo troverete indicato con il nome originale: Parco Savello.

Il parco si trova sul colle Aventino ed è un’ottima tappa in più per chi nel cosa vedere a Roma ha inserito l’area del Circo Massimo, oltre ad essere una stupenda alternativa ai più conosciuti (e affollati) belvedere di Roma (il Pincio e il Gianicolo).

Inoltre nella stessa zona potete raggiungere facilmente anche Piazza dei Cavalieri di Malta dove troverete un po’ di fila avanti al popolare Buco della Serratura che regala una strana vista in miniatura del Cuppolone.

Cosa vedere fuori Roma: Villa d’Este

cosa vedere a Roma

Se nella capitale siete già stati potrete arricchire la vostra lista di cosa vedere a Roma anche con qualche bellezza fuori dal Grande Raccordo Anulare.

Villa d’Este è una delle celebri ville fuori dall’area cittadina che non è difficilissima da raggiungere anche con i mezzi pubblici e che vi lascerà sicuramente a bocca aperta.

Potete arrivare a Tivoli in Bus (da Ponte Mammolo) percorrendo la temuta via Tiburtina, oppure in treno (ma anche qui armatevi di pazienza: il percorso è ricco di stop).

Tivoli è una cittadina arrampicata su una montagna che offre molti resti dell’epoca Romana oltre una bella vista su tutta la valle fino alla città.

cosa vedere a Roma

Considerando che si tratta di una villa inserita tra i Patrimoni Unesco sicuramente vale la pena raggiungerla e regalarle una giornata.

Gli appartamenti della villa sono la prima parte che si visita, ma tutti si precipitano sempre nei suoi giardini: di giorno e di notte le centinaia di fontane zampillanti rumorosamente rendono vivi i viottoli del parco in discesa, tra statue, alberi e fiori.

Non c’è che dire: Pirro Ligorio e Alberto Galvani crearono qualcosa di unico con questo immenso giardino con vista sulla campagna romana.

Cosa vedere a Roma: un tour alla scoperta di Caravaggio… gratis

Sono partita da una celebre statua di Michelangelo… bene, non posso non passare anche da qui, dalle opere di Caravaggio.

In questo caso non si parla di certo al singolare perché di opere del grande pittore disponibili al pubblico gratuitamente ce ne sono diverse e sei si trovano in tre chiese romane.

  • Chiesa di San Luigi dei Francesi

Qui Caravaggio arricchì la cappella Contarelli di tre tele che raccontano la vita di San Matteo. Uno dei tre quadri, il San Matteo dell’Angelo, nella sua prima versione fu addirittura rifiutato perché si accusò l’artista di essere stato “troppo realista”.

  • Santa Maria del Popolo

Ospitata nella scenografica Piazza del Popolo, la chiesa di Santa Maria del Popolo è una delle più famose chiese di Roma.

Qui Caravaggio lavorò alla cappella Cerasi per la quale realizzò la Conversione di San Paolo e la Crocifissione di San Pietro.

  • Chiesa di Sant Agostino

Chiesa a due passi da Piazza Navona dove è custodita la Madonna dei Pellegrini.

Come scappare dal caos di Roma: a spasso sul lago di Castel Gandolfo

Soprattutto se si capita a Roma durante la bella stagione, un giro per il lago di Castel Gandolfo, e magari anche per il paesino sovrastante dove si trova la residenza estiva del Papa, ci sta sempre bene.

Ci sta bene per le spiaggette attrezzate, per i bar dove bere qualcosa di fresco oppure per un gelato, ci sta ancora meglio per uno stop in una fraschetta con tavoli vista lago dove mangiare… con le mani… pane, prosciutto e porchetta annaffiati da vino fresco (anche se non sempre di ottima qualità).

Scusate, ma chi è dedita come me al turismo eno-gastronomico non può di certo non suggerirvi questa tappa… e anche la prossima.

Cosa mangiare a Roma: pesce fresco lungo il litorale romano

cosa vedere a Roma

La buona cucina non manca a Roma e, dopo aver provato un buon ristorante romano (di quelli che offrono carbonare, trippe, pajate e carciofi alla giudia per intenderci) si può passare al pesce.

Roma è la città a un’ora da tutto: a un’ora dal mare, dalla montagna o dal lago… naturalmente i tempi sono presi “alla romana” insomma nelle ore di punta è impossibile quantificare, ma se si è fortunati senza fatica si può arrivare a godersi il litorale romano e mangiarsi un bel piatto di pesce fresco.

Volete due indirizzi interessanti?

Uno è quello del Ristorante Zi Checco a Torvaianica… se volete provarlo prenotate con  un certo anticipo specie per i festivi… c’è sempre una gran fila… e dopo aver mangiato la mia megagalattica porzione di tonnarelli all’astice ho capito il perché.

Il secondo è ancora più semplice da raggiungere: si trova a Fiumicino ed è il ristorante Sfizi di  mare. Secondo qualcuno è troppo dedito alla forma dei piatti, ma dopo varie prove (una delle quali questa pasquetta), vi posso assicurare l’ottima qualità dei piatti.

Cosa vedere a Roma: Una lista eterna *

C’è da ammettere che potrei continuare in eterno, considerando che la mia lista per i 5 giorni a Roma da guida turistica comprendevano una infinità di altri punti che noi stessi non siamo riusciti a toccare.

Fare un giro in bici per l’Appia, o passeggiare per Villa Borghese ammirando l’orologio ad acqua o anche l’elisabettiano Globe Theatre, seguire un tour del lato oscuro di Roma con i suoi miti e leggende…. e via dicendo.

Ma decido di fermarmi qui… per non rendere questo post una Bibbia, per non annoiarvi, ma anche perché, per un weekend, gli spunti sono più che sufficienti.

Voi invece cosa vorreste vedere di insolito a Roma?

Una mail in cambio di poco disturbo e tante informazioni e curiosità. Entra nella famiglia di Viaggi Zaino in Spalla e scarica la tua guida gratuita di questo mese



Follow my blog with Bloglovin

About Agnese.C 299 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

Commenta per primo

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: