Essere o non essere blogger? 3 differenze tra scrittore di viaggi e travel blogger

Essere o non essere blogger

Era un po’ che non scrivevo sulla mia rubrica Travel Blogging Backstage preferendo concentrare il mio poco tempo a disposizione su articoli più utili ai viaggiatori, ma da qualche giorno questa discussione su travel writing e travel blogging, o meglio tra scrittura di viaggio e travel blogging… o ancora tra travel writer e travel blogger mi assilla.

La scrittura di viaggi e il blog di viaggi sono sempre più sovrapposti nel paesaggio editoriale degli ultimi anni.

Molti scrittori di viaggio importanti che raccontano storie per pubblicazioni di National Geographic mantengono anche blog separati e personali. Molti blogger, d’altro canto, ora producono contenuti per le “rivali” riviste.

Quindi, qual è la differenza tra uno scrittore di viaggio e un blogger di viaggio? E, soprattutto, ci importa?

Anche se non c’è motivo di inserire questi due titoli professionali l’uno contro l’altro, o associare più prestigio all’uno piuttosto che all’altro, ci sono alcune differenze da considerare.

1- Il travel blogger fa diversi lavori. Il travel writer si concentra su uno. *

Come la maggior parte dei travel blogger sanno bene, esiste una vasta gamma di competenze che devono essere sviluppate per avere un blog di viaggio di successo.

Devi essere uno scrittore, avere basi di social media marketing, devi essere un venditore, un editor, un designer di siti web e l’elenco potrebbe continuare.

La maggior parte di queste posizioni sarebbe stata gestita separatamente in una rivista o in un giornale, ma non in un blog personale.

Se siete persone a cui piace la varietà e il lavoro multitasking, l’ambito del blogging può eccitarvi.

Gli scrittori di viaggio, invece, si concentrano tipicamente sul mestiere della scrittura.

Può essere utile avere un seguito sui social media, ma la maggior parte delle pubblicazioni saranno molto più interessate agli scritti che ai seguaci di Twitter o Facebook.

Per gli scrittori di viaggi è invece utile avere una conoscenza di base della fotografia. I modesti budget della pubblicazione online spesso richiedono agli scrittori di viaggi di dare proprie foto senza ricorrere all’aiuto di fotografi professionali.

Le responsabilità dello scrittore di viaggi, per la maggior parte, sono comunque più concentrate nel raccontare grandi storie. Vengono utilizzate altre persone dietro le quinte per modificare, formattare, commercializzare e pubblicare il lavoro.

Gli scrittori di viaggi devono trovare una pubblicazione. I travel blogger devono trovare un pubblico. *

A meno che non si sia dipendenti di una pubblicazione, la presentazione dell’idea alle riviste è una grande parte del lavoro di uno scrittore di viaggio.

Prima di scrivere una storia e di essere pagati, bisogna convincere un redattore che la storia è quella che vale la pena di raccontare e pubblicare.

Questo processo può essere divertente, ma può anche essere noioso e un po’ straziante. Molte presentazioni rimangono senza risposta e gli scrittori di viaggio devono essere decisi per continuare a rimanere in ballo.

I blogger di viaggio, invece, non devono preoccuparsi di trovare un editor che sia interessato alla loro storia perché sono gli editor del proprio sito!

Questo potrebbe portare alla creazione di storie anche più efficaci: il blogger scrive, modifica e pubblica se stesso. Non c’è da aspettare che qualcuno risponda ad una email o che qualcun altro modifichi una storia.

I blogger non devono trovare una pubblicazione, ma devono trovare un pubblico. Condividi il Tweet

Come proprietari delle proprie piattaforme di pubblicazione, è responsabilità del blogger di attrarre lettori attraverso social media, marketing e-mail, SEO e una serie di altre tattiche di costruzione del pubblico. Questo può produrre molta pressione, soprattutto quando si sta iniziando e non c’è nessuno che ti paghi!

Una volta che gli scrittori di viaggio si assicurano la pubblicazione di un pezzo, devono poi negoziare il pagamento con il loro editor.

I blogger devono invece considerare più tempo per imporre la propria immagine, trovare un pubblico e creare qualcosa che porti a monetizzazione e quindi a guadagni.

I blogger di viaggio possono incrementare il profitto del loro lavoro. Gli scrittori di viaggio guadagnano ciò che hanno concordato inizialmente. *

Una motivazione per concentrarsi sul proprio blog piuttosto che altre pubblicazioni è il controllo non solo della scrittura, ma anche dei profitti.

Quando si scrive per il proprio blog di viaggio si è contemporaneamente lo scrittore, il redattore e l’editore, magari anche il designer, il venditore, il supporto tecnico, ecc.

Soprattutto, però, si possiede il contenuto e si può lavorare su una strategia di monetizzazione che può prevedere diverse opportunità di entrata.

Se si dispone di un post che diventa virale, monetizzare quel post può portare considerevoli entrare.

Questo non avviene quasi mai quando si scrive per altre pubblicazioni: se un articolo che scrivi diventa molto utile per una rivista online con numerose visite e condivisioni, potresti ricevere lodi e l’apprezzamento da parte del tuo redattore, ma il guadagno resterà quello concordato all’inizio.

Naturalmente una eccezione esiste: è il caso delle pubblicazioni fondate su un sistema di commissioni “a clic”. In questo caso si guadagna in base al numero di persone che leggono e condividono l’articolo, ma non sono comuni

I blogger hanno la libertà di essere creativi sulla monetizzazione degli articoli, mentre le strutture di pagamento  sono già in atto per gli scrittori di viaggio.

La scrittura per altre pubblicazioni significa anche che i redattori hanno in genere la parola finale sulle modifiche.

La tua voce potrebbe essere modificata per adattarsi al marchio della pubblicazione. Questo può essere frustrante per gli scrittori che desiderano preservare il loro stile e marchio.

Quindi, puoi gestire il controllo di qualcun altro quando si tratta della tua scrittura? Oppure preferisci possedere il proprio lavoro e chiamare i colpi? Questa è una domanda importante da porsi quando decidi se scrivere o scrivere per qualcun altro.

Dammi il tuo parere nei commenti all’articolo che trovi qualche riga sotto il post oppure attraverso i social: facebook o twitter.

Una mail in cambio di poco disturbo e tante informazioni e curiosità. Entra nella famiglia di Viaggi Zaino in Spalla e scarica la tua guida gratuita di questo mese



Follow my blog with Bloglovin

About Agnese.C 324 Articoli
Ex agente di viaggio, lettrice compulsiva di ogni genere letterario (esclusi libri rosa), viaggiatrice seriale con la passione per penna e calamaio. Convertita al mondo 2.0 ho creato Viaggi Zaino in Spalla e ora perseguo il faticoso compito di convertire ai viaggi indipendenti e al fai da te chiunque passi per le mie pagine

Commenta per primo

Dimmi cosa ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: